.
Annunci online

 
ComuniCalo 
Comunicazioni Politica Cronaca Società Cultura Eraclea News Curiosità
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  www.comunicalo.it
  cerca


 

Diario | Politica | Comunicazioni | Società | Cultura | Eraclea News | Cronaca | Internet | Libri | Mafia e Antimafia | Cattolicesi nel mondo | Le mie elezioni | SPECIALE Cattolica Eraclea | I MIEI MONDIALI 2006 | Luoghi da visitare | Il RELITTO di Eraclea Minoa | Storia | Polisportiva HERACLEA | ComuniC@loTG |
 
Diario
1visite.

18 agosto 2007

I panificatori al sindaco: "Il nostro pane è buono e costa 2.40 euro al kg. Non abbasseremo il prezzo". Tutti d'accordo i panettieri cattolicesi.


CATTOLICA ERACLEA. (*cagi*) Sono infuriati i panettieri di Cattolica Eraclea, non ci stanno a passare per i produttori “del pane più caro e qualitativamente peggiore dell’agrigentino”, così come ha dichiarato il sindaco Cosimo Piro. Dice Maria D’Anna, titolare di un panificio in via Immacolata: “Il nostro pane è buono, usiamo la farina di qualità migliore e ne facciamo di vari tipi per dare ai clienti una più ampia possibilità di scelta. Anche il sindaco Piro viene da noi a prendere il pane, ma non si è mai lamentato. Strano – continua Maria D’Anna - che in seguito all’aumento del prezzo il sindaco dica che il pane di Cattolica Eraclea è il peggiore della provincia di Agrigento. Non  torneremo indietro e non abbassaremo il prezzo del pane, non possiamo farlo, anche noi stiamo subendo vari aumenti. E poi facciamo un lavoro molto faticoso, chiediamo più rispetto”. “Il nostro pane è di ottima qualità – dice Matteo Messina, titolare di un panificio in via Rosario - il sindaco non ha mai mangiato il pane prodotto da noi, non capisco come faccia a dire che sia il peggiore dell’agrigentino. Colgo l’occasione per invitarlo a venire da noi e a mangiare il nostro pane. Quanto al prezzo – ribadisce il panettiere Messina - non possiamo abbassarlo perché anche a noi sono aumentati i costi di tutti prodotti che ci servono per fare il pane”. Intanto,lunedì pomeriggio, al comune, l’atteso incontro tra il sindaco e i quattro panettieri del paese, durante il quale il primo cittadino chiederà l’abbassamento del prezzo del pane, aumentato nei giorni scorsi da 2.00 euro a 2.40 euro, altrimenti, ha detto Piro, “saremo costretti ad intervenire per difendere gli interessi dei cittadini consumatori, perché si presume ci sia stato un accordo tra i panificatori in violazione delle norme sulla libera concorrenza”.

calogero.giuffrida@gmail.com




permalink | inviato da ComuniCalo il 18/8/2007 alle 21:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre