.
Annunci online

 
ComuniCalo 
Comunicazioni Politica Cronaca Società Cultura Eraclea News Curiosità
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  www.comunicalo.it
  cerca


 

Diario | Politica | Comunicazioni | Società | Cultura | Eraclea News | Cronaca | Internet | Libri | Mafia e Antimafia | Cattolicesi nel mondo | Le mie elezioni | SPECIALE Cattolica Eraclea | I MIEI MONDIALI 2006 | Luoghi da visitare | Il RELITTO di Eraclea Minoa | Storia | Polisportiva HERACLEA | ComuniC@loTG |
 
Diario
1visite.

18 agosto 2007

Il sindaco ai panificatori: "Abbassate il prezzo e migliorate la qualità del pane"

       

CATTOLICA ERACLEA. (*cagi*) "O abbassate il prezzo del pane o procederemo per tutelare i nostri cittadini consumatori". Questo l'invito perentorio che il sindaco, Cosimo Piro, rivolge ai panificatori di Cattolica Eraclea in seguito "all'ingiustificato e arbitrario aumento del prezzo del pane del 20%" per cui è già stata avviata un'indagine della Polizia municipale per accertare eventuali violazioni. Per lunedì pomeriggio alle ore 17:00, il sindaco Piro ha convocato, presso i locali del comune, i panificatori di Cattolica Eraclea "per discutere dell'aumento del costo del pane, che adesso ha il prezzo più alto della provincia di Agrigento, dove la media dei prezzi varia da 1.60 euro e 2.00 al chilo, a Cattolica Eraclea invece a 2.40 euro al chilo. Chiederemo ai panificatori di ragionare, fare un passo indietro e abbassare il prezzo del pane – dice il sindaco - altrimenti saremo costretti ad intervenire per difendere gli interessi dei nostri cittadini consumatori. Capisco – continua Piro - che è liberalizzata la vendita del pane, ma in questo caso si presume ci possa essere stato un accordo tra i panificatori in violazione delle norme sulla libera concorrenza. Andremo fino in fondo sulla vicenda dei panifici, ragionando non solo sul rincaro dei prezzi, ma anche sulla qualità del pane. E' assurdo che il pane di Cattolica Eraclea dopo un giorno non si può più mangiare, oltre ad essere il più caro – afferma il sindaco - è qualitativamente il peggiore dell'agrigentino, dobbiamo puntare invece anche sulla qualità del prodotto". Intanto, ieri mattina, sono cominciati i lavori della Polizia municipale coordinata dal comandante Pasquale Campisi,  e dell'ufficio attività produttive, diretto da Maria Cucciarrè per far luce sulla vicenda. Va spiegato, intanto, che la vendita del pane è liberalizzata, l'aumento del prezzo, inoltre, viene effettuato a chilogrammo così come dovrebbe avvenire anche la vendita che andrebbe effettuata a peso. A Cattolica Eraclea, però, la vendita avviene a pezzo, quindi filoncini da 250 grammi a 60 centesimi di euro, o pagnotte da 500 grammi a 1.20 euro. Anche su quest'aspetto della vendita del pane i cittadini e il sindaco Piro vogliono fare chiarezza.

calogero.giuffrida@gmail.com

Nelle foto in alto: a sinistra interno del panificio Magazzù. A destra il comandante della Polizia municpale, Pasquale Campisi, e il sindaco di Cattolica Eraclea, Cosimo Piro.




permalink | inviato da ComuniCalo il 18/8/2007 alle 0:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre