.
Annunci online

 
ComuniCalo 
Comunicazioni Politica Cronaca Società Cultura Eraclea News Curiosità
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  www.comunicalo.it
  cerca


 

Diario | Politica | Comunicazioni | Società | Cultura | Eraclea News | Cronaca | Internet | Libri | Mafia e Antimafia | Cattolicesi nel mondo | Le mie elezioni | SPECIALE Cattolica Eraclea | I MIEI MONDIALI 2006 | Luoghi da visitare | Il RELITTO di Eraclea Minoa | Storia | Polisportiva HERACLEA | ComuniC@loTG |
 
Diario
1visite.

20 agosto 2007

Controlli a tappeto nei panifici di Cattolica Eraclea. Oggi pomeriggio l'incontro tra il sindaco e i panettieri.


CATTOLICA ERACLEA. (*cagi*) In attesa dell'incontro di oggi pomeriggio tra il sindaco Cosimo Piro e i quattro panificatori di Cattolica Eraclea, stamani controlli a tappeto della Polizia municipale dell'Unione dei comuni, coordinata dal comandante Pasquale Campisi. Interessata alla vicenda dell'aumento del prezzo del pane, stamani, anche la Guardia di Finanza. Ancora sono in corso gli accertamenti da parte delle forze dell'ordine, seguiremo la vicenda per capire se eventualmente siano state commesse violazioni in merito all'aumento improvviso del prezzo del pane.




permalink | inviato da ComuniCalo il 20/8/2007 alle 13:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 agosto 2007

I panificatori al sindaco: "Il nostro pane è buono e costa 2.40 euro al kg. Non abbasseremo il prezzo". Tutti d'accordo i panettieri cattolicesi.


CATTOLICA ERACLEA. (*cagi*) Sono infuriati i panettieri di Cattolica Eraclea, non ci stanno a passare per i produttori “del pane più caro e qualitativamente peggiore dell’agrigentino”, così come ha dichiarato il sindaco Cosimo Piro. Dice Maria D’Anna, titolare di un panificio in via Immacolata: “Il nostro pane è buono, usiamo la farina di qualità migliore e ne facciamo di vari tipi per dare ai clienti una più ampia possibilità di scelta. Anche il sindaco Piro viene da noi a prendere il pane, ma non si è mai lamentato. Strano – continua Maria D’Anna - che in seguito all’aumento del prezzo il sindaco dica che il pane di Cattolica Eraclea è il peggiore della provincia di Agrigento. Non  torneremo indietro e non abbassaremo il prezzo del pane, non possiamo farlo, anche noi stiamo subendo vari aumenti. E poi facciamo un lavoro molto faticoso, chiediamo più rispetto”. “Il nostro pane è di ottima qualità – dice Matteo Messina, titolare di un panificio in via Rosario - il sindaco non ha mai mangiato il pane prodotto da noi, non capisco come faccia a dire che sia il peggiore dell’agrigentino. Colgo l’occasione per invitarlo a venire da noi e a mangiare il nostro pane. Quanto al prezzo – ribadisce il panettiere Messina - non possiamo abbassarlo perché anche a noi sono aumentati i costi di tutti prodotti che ci servono per fare il pane”. Intanto,lunedì pomeriggio, al comune, l’atteso incontro tra il sindaco e i quattro panettieri del paese, durante il quale il primo cittadino chiederà l’abbassamento del prezzo del pane, aumentato nei giorni scorsi da 2.00 euro a 2.40 euro, altrimenti, ha detto Piro, “saremo costretti ad intervenire per difendere gli interessi dei cittadini consumatori, perché si presume ci sia stato un accordo tra i panificatori in violazione delle norme sulla libera concorrenza”.

calogero.giuffrida@gmail.com




permalink | inviato da ComuniCalo il 18/8/2007 alle 21:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

18 agosto 2007

Il sindaco ai panificatori: "Abbassate il prezzo e migliorate la qualità del pane"

       

CATTOLICA ERACLEA. (*cagi*) "O abbassate il prezzo del pane o procederemo per tutelare i nostri cittadini consumatori". Questo l'invito perentorio che il sindaco, Cosimo Piro, rivolge ai panificatori di Cattolica Eraclea in seguito "all'ingiustificato e arbitrario aumento del prezzo del pane del 20%" per cui è già stata avviata un'indagine della Polizia municipale per accertare eventuali violazioni. Per lunedì pomeriggio alle ore 17:00, il sindaco Piro ha convocato, presso i locali del comune, i panificatori di Cattolica Eraclea "per discutere dell'aumento del costo del pane, che adesso ha il prezzo più alto della provincia di Agrigento, dove la media dei prezzi varia da 1.60 euro e 2.00 al chilo, a Cattolica Eraclea invece a 2.40 euro al chilo. Chiederemo ai panificatori di ragionare, fare un passo indietro e abbassare il prezzo del pane – dice il sindaco - altrimenti saremo costretti ad intervenire per difendere gli interessi dei nostri cittadini consumatori. Capisco – continua Piro - che è liberalizzata la vendita del pane, ma in questo caso si presume ci possa essere stato un accordo tra i panificatori in violazione delle norme sulla libera concorrenza. Andremo fino in fondo sulla vicenda dei panifici, ragionando non solo sul rincaro dei prezzi, ma anche sulla qualità del pane. E' assurdo che il pane di Cattolica Eraclea dopo un giorno non si può più mangiare, oltre ad essere il più caro – afferma il sindaco - è qualitativamente il peggiore dell'agrigentino, dobbiamo puntare invece anche sulla qualità del prodotto". Intanto, ieri mattina, sono cominciati i lavori della Polizia municipale coordinata dal comandante Pasquale Campisi,  e dell'ufficio attività produttive, diretto da Maria Cucciarrè per far luce sulla vicenda. Va spiegato, intanto, che la vendita del pane è liberalizzata, l'aumento del prezzo, inoltre, viene effettuato a chilogrammo così come dovrebbe avvenire anche la vendita che andrebbe effettuata a peso. A Cattolica Eraclea, però, la vendita avviene a pezzo, quindi filoncini da 250 grammi a 60 centesimi di euro, o pagnotte da 500 grammi a 1.20 euro. Anche su quest'aspetto della vendita del pane i cittadini e il sindaco Piro vogliono fare chiarezza.

calogero.giuffrida@gmail.com

Nelle foto in alto: a sinistra interno del panificio Magazzù. A destra il comandante della Polizia municpale, Pasquale Campisi, e il sindaco di Cattolica Eraclea, Cosimo Piro.




permalink | inviato da ComuniCalo il 18/8/2007 alle 0:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

17 agosto 2007

Alice e la mamma Rita Lo Presti ringraziano i concittadini per la raccolta di solidarietà


Alice e la mamma Rita Lo Presti hanno ringraziato ieri sera iconcittadini di Cattolica Eraclea e Montallegro per la raccolta fondidi solidarietà, grazie alla quale la bimba ha potuto ricevere le primecure presso un centro medico specializzato di New York.
Ecco il video dei ringraziamenti a Cattolica Eraclea durante la "Festa degli emigrati".





permalink | inviato da ComuniCalo il 17/8/2007 alle 23:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

17 agosto 2007

Il pittore dei nudisti alla foce del Platani


TRA CAPO BIANCO E LA FOCE DEL PLATANI. (*cagi*) Il pittore dei nudisti alla foce del Platani. Si tratta di Emanuele Puma, architetto di Ribera, con l’hobby della pittura: “Da quando ho letto dell’istituzione di una spiaggia nudista ho cominciato a dipingere alcune scene di nudismo che è libertà. Per noi che frequentiamo questa spiaggia da anni – dice il pittore - l’istituzione dell’oasi nudista non è una novità, siamo d’accordo”. L’architetto e pittore Emanuele Puma, da numerosi anni, con amici e parenti, frequenta la spiaggia del Platani. Prende posto proprio davanti la foce, sotto un capannello costruito con dei rami di albero. Con la tecnica dell’acquerello ha dipinto in mille modi i paesaggi della spiaggia compresa tra Capo Bianco e la foce del Platani, adesso ha cominciato a dipingere anche scene nudiste, una piccola “svolta nudista” nella sua attività pittorica.




permalink | inviato da ComuniCalo il 17/8/2007 alle 1:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8  >>   settembre